Differenza tra Imap e Pop3: ecco la tua guida - THE-MAX

Soluzioni informatiche Guide online Videosorveglianza
Soluzioni informatiche Guide online Videosorveglianza
Vai ai contenuti

Differenza tra Imap e Pop3: ecco la tua guida

E-MAIL
Parlando di posta elettronica spesso ci si imbatte nell'eterno dubbio di quale server di ricezione adottare, se POP3 oppure IMAP.
Imap e Pop3 sono i due principali server di posta che è possibile utilizzare per scaricare i messaggi di posta sul nostro computer, tablet o smartphone.



Differenza tra server Imap e Pop3
Bene, adesso ti spiegherò le caratteristiche di funzionamento su cui si basano questi due server di ricezione, le differenze e le possibili problematiche in cui ci si può imbattere durante il loro utilizzo.
A chi mi chiede quale di questi due server sia meglio, rispondo nel modo più semplice ovvero lascio giudicare a loro dopo che gli ho esposto le differenze, i pregi ed i difetti di entrambe le tipologie di server di ricezione della posta.

La differenza sostanziale che sta alla base tra i il POP3 e l'IMAP è il differente approccio di impostazione operativa.


Il server POP3 - Post Office Protocol - Versione 3
riceve tutta la corrispondenza, ed in seguito la invia all'account configurato sui vari dispositivi quali pc, tablet e smartphone.
Questi messaggi di posta vengono fisicamente inviati e quindi archiviati in locale sui vari dispositivi.
Per cui OGNI dispositivo, che sia un altro computer oppure uno smartphone, configurato per funzionare con il medesimo account, disporrà di una copia di tutte le e-mail della casella.
Se per esempio elimino un messaggio sul computer, questo rimarrà ancora presente sugli altri dispositivi.
Naturalmente mi sto riferendo alle e-mail presenti nella cartella della posta in arrivo, non a quella inviata o eliminata, poichè ogni dispositivo è indipendente da questo punto di vista, e una e- mail inviata da un dispositivo risulterà presente solo su di esso.
I messaggi della posta in arrivo possono essere mantenuti sul server per un periodo di tempo impostabile a piacimento, oppure si può decidere di eliminarli immediatamente dopo aver effettuato il primo download, ma in questo caso la posta verrà scaricata o meglio trasferita, solo sul primo dispositivo disponibile, e non più su altri, non essendo più disponibile sul server online.


Per ovviare a questo problema è sufficiente recarsi nel menu relativo alle impostazioni avanzate del proprio programma di posta (Outlook, Thunderbird, ecc.), spuntare, attivandola, la casella "Mantieni i messaggi di posta sul server" ed impostare il periodo di tempo, espresso in giorni per cui vogliamo che i messaggi rimangano sul server online prima di essere automaticamente eliminati:





Il server IMAP - Internet Mail Access Protocol
Questo server a differenza del POP, fonda il suo principio di funzionamento sul server come unico recipiente per la posta.
Tutti i messaggi ricevuti rimangono sul server che, anche qui come nel caso del POP3, provvede poi ad inoltrarli sui vari dispositivi, solo che, e qui sta tutta la differenza, questi non vengono archiviati in locale sui vari dispositivi, dove gli viene attribuita solo una funzione di lettura.

Mi spiego:
i messaggi di posta li potrò visualizzare su tutti i miei pc, tablet e smartphone, ma in realtà risiedono sempre e solo sul server, per cui se per esempio elimino un messaggio sul server, questo scomparirà anche da tutti i dispositivi.
In definitiva la mia posta risiede solo ed esclusivamente sul server online.
Intervenendo su di esso, l'operazione si riperquoterà su tutti i dispositivi configurati con il medesimo account.
Se per esempio dal server svuoto la cartella della posta eliminata, anche su tutti dispositivi il cestino risulterà vuoto.
Spero di essermi spiegato in modo chiaro.
Utilizzando il server IMAP, non si ha la possibilità di eliminare messaggi in modo automatico, ma occorre operare manualmente sul server di posta online.
Occorrerà cioè recarsi sull' indirizzo corrispondente al proprio Webmail (dove leggiamo la posta online) e provvedere a eliminare tutti i messaggi superflui.
In alternativa, avendone l'accesso, possiamo recarci sul portale del nostro servizio di hosting e adeguare il volume di messaggi in mase alla capienza della casella di posta.

Infatti il grosso inconveniente dell'IMAP consiste proprio nel fatto che presto o tardi lo spazio di archiviazione messoci a disposizione dal nostro provider di posta, si esaurirà, costringendoci ad intervenire eliminando manualmente i messaggi presenti, oppure se possibile aumentando lo spazio della casella di posta.

Conclusioni
In base alla mia esperienza posso affermare senza dubbio che optando per una casella con server Pop3, difficilmente si andrà incontro a problemi di qualunque genere, cosa che invece quasi inevitabilmente succede scegliendo di servirsi di un server Imap, proprio perchè tale server ha la caratteristica di non poter essere svuotato automaticamente, e poi, eliminando magari accidentalmente uno o più messaggi di posta, questi spariranno anche dal server, rendendoli irrecuperabili.
Detto questo, non posso che consigliarti di optare per una configurazione basata su Pop3, la quale concede decisament epiù garanzie di sicurezza.

Specifico che se si riscontrasse la problematica situazione di possedere un server Imap e trovarsi con lo spazio di archiviazione esaurito, è comunque possibile passare al server Pop3, "trasferendo" i messaggi del server Imap, mantenendo tutti i messaggi senza registrare alcuna perdita.
Leggi questa guida su come trasferire tutti i messaggi Imap su server Pop3 in pochi minuti.









Nessun commento
BORACINO
I prezzi più bassi del web
Videosorveglianza
 Elettronica
Sicurezza
Torna ai contenuti